Giusy Barraco

“Per i ladri sarà qualcosa di non prezioso, ma per me la sedia rappresenta le mie gambe, i miei ricordi”, lo sfogo dellʼatleta

Rientrata a casa, la campionessa paralimpica di nuoto, Giusy Barraco, ha fatto l’amara scoperta: il furto della sua carrozzina. I ladri hanno messo a soqquadro l’appartamento a Petrosino (Trapani), portando via soltanto la speciale sedia a rotelle. Barraco si era fatta promotrice di una raccolta fondi per l’acquisto di una sedia da mare per disabili. “E’ come se mi avessero rubato le gambe”.

E’ come se mi avessero rubato le gambe – +si sfoga la campionessa, che ha bisogno della carrozzina per spostarsi e svolgere le sue attività quotidiane. “Sono arrabbiata – continua – perché per loro sarà qualcosa di non prezioso o poco importante, ma per me la sedia rappresenta le mie gambe, con cui mi sono sposata. I miei ricordi. Tanti ricordi. Fa parte di me”.

Giusy Barraco nel luglio 2016, a Napoli, si era laureata campionessa italiana paralimpica di nuoto nella specialità dorso e vice campionessa nazionale nella gara alla quale hanno preso parte le vincitrici dei quattro stili: libero, dorso, rana e delfino.