Mantova, medico muore per Covid. Disposta l’autopsia “per confermare assenza di nesso con vaccino”

“Aveva patologie croniche pregresse. Abbiamo informato gli organismi di governo regionali e le autorità di regolazione tecnico-scientifica”, fa sapere l’Ass di Mantova con cui il chirurgo collaborava

Un operatore sanitario, un chirurgo di 64 aanni con patologie croniche pregresse, è morto per Covid-19 a Mantova. Era stato sottoposto a vaccino. “Pur in presenza di una situazione estremamente indicativa di un evento improvviso legato a condizioni preesistenti, al fine di chiarire anche ogni più piccolo dubbio, si è disposto di attivare tutti gli accertamenti necessari per confermare l’assenza di qualsiasi nesso tra la vaccinazione e il triste evento occorso“, fa sapere l’Azienda sanitaria che ha disposto l’autopsia, che verrà eseguita probabilmente domani mattina, 15 gennaio.

“Di tale situazione – riferisce ancora l’azienda sanitaria, per cui l’uomo lavorava – è stata data comunicazione sia agli organismi di governo regionali che alle autorità di regolazione tecnico-scientifica, con le quali sarà avviata ogni necessaria collaborazione al fine di perseguire lo scopo sopra riportato, ricordando con affetto e cordoglio questo nostro stimato collaboratore con profondo senso di compartecipazione al dolore dei familiari”. Il medico lavorava come collaboratore all’ospedale di Pieve di Coriano, nel Mantovano, “si era sottoposto, anche a tutela delle proprie condizioni di salute, alla vaccinazione anti-Covid” alcuni giorni fa.