Come l’industria farmaceutica “crea” le malattie e miete nuove vittime. Ce lo racconta il giornalista Silvestro Montanaro nel programma RAI “C’era una volta”. L’inestimabile profitto di un marketing pubblicitario diabolico, pianificato per trasformare i nostri disagi quotidiani in patologie mediche; strategie di propaganda pseudo-scientifica avviate molti anni prima dell’uscita di un farmaco, per assicurasi adeguate vendite. Un business inquietante, potenzialmente fornito di infinite prede.

E come spiega il servizio, le case farmaceutiche progettano meticolosamente l’inganno, agiscono alla stregua di organizzazioni mafiose, avide di profitto, facendo pressione sull’individuo “sano” per indurlo al consumo sempre più frequente dei propri prodotti. Le industrie dei farmaci di cui si parla, ricordiamo, sono le stesse che producono vaccini, ansiolitici, mangimi per gli animali da macello, concimi per produzioni massive in agricoltura. (liberascelta.org)


Peter Rost è un insider, uno che per anni ha lavorato ai vertici di
case farmaceutiche. E’ arrivato fino a ricoprire l’incarico di vicedirettore marketing della Pfizer, fino al giorno in cui ha deciso di parlare.

Mi chiamo Peter Rost, sono un medico, e ho lavorato per circa vent’anni
nel settore farmaceutico, in ultimo alla Pfizer come vicepresidente del settore
marketing, e dopo essermene andato dalla Pfizer per aver denunciato pubblicamente
alcune pratiche illegali, ho lavorato come scrittore, giornalista e consulente negli Stati
Uniti. Ho definito il settore farmaceutico: “una specie di mafia”. E intendevo dire che –
esattamente come il crimine organizzato – il settore farmaceutico è stato dichiarato
colpevole di reati molto grossi, e ha pagato multe di miliardi di dollari. E’ molto
potente, e se qualcuno prova a parlare apertamente di quello che succede in quel
mondo, viene, letteralmente, mandato via a calci. E quindi, il settore farmaceutico si
comporta e ha un potere sulla politica molto simile alla mafia.

(Dossier database Italia.it)

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.