di Cristina Baldini

La segnalazione di un cittadino che avrebbe raccontato diverse circostanze che potrebbero fare ipotizzare la verosimiglianza di quanto riferito. La ragazza non si è sottratta alle verifiche

I carabinieri di Scalea, nel Cosentino, stanno eseguendo dei controlli su una 19enne di origine romena che vive nella cittadina tirrenica perché, secondo la segnalazione di un cittadino, si tratterebbe di Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel settembre del 2004 da Mazara del Vallo. Chi ha segnalato la somiglianza pare aver riferito anche diverse circostanze che potrebbero fare ipotizzare la verosimiglianza di quanto riferito.

La ragazza non si è sottratta alle verifiche e ha fornito i nomi dei genitori e altre informazioni utili a ricostruire il suo passato. Di tutto è stata informata la Procura della Repubblica di Marsala che dovrà decidere se procedere o meno ad effettuare la comparazione del Dna.

P U B B L I C I T A’

Anche la 19enne si chiama Denise – Si chiama anche le Denise, è di origini romene e ha 19 anni, e non 21 come appreso in precedenza, la ragazza di Scalea, in provincia di Cosenza, sulla quale i carabinieri hanno avviato degli accertamenti a seguito di una segnalazione giunta da una cittadina che riferisce similitudini con Denise Pipitone. Secondo quanto riferito, la donna, una parrucchiera di Scalea, ha inviato un messaggio vocale nel quale ha riferito di aver riscontrato delle somiglianza fisiche, ma soprattutto legate “alla genesi di questa ragazza”, con la figlia di Piera Maggio, che oggi avrebbe 20 anni, perché nata il 26 ottobre 2000. Non si sa al momento come si determinerà la Procura di Marsala e dunque se procederà alla richiesta di ulteriori accertamenti. “La Procura con noi non parla, è un muro”, ha riferito l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio.la
giovane che vive nella cittadina tirrenica possa essere Denise Pipitone, ne tanto meno per acclarare il contrario.