In conferenza stampa anche i ministri Giovannini, Bianchi, Speranza e Gelmini “Scuole tutte riaperte” dice Bianchi, “nelle classi di vaccinati si possono togliere le mascherine”. Giovannini: “Successo green pass sui treni, senza solo lo 0,2%”. Stamane il Cdm, via libera ai dl Infrastrutture e Incendi, 120 milioni per i profughi afghani e riattivato l’ecobonus elettriche Tweet Green pass: la Commissione affari sociali approva proroga di validità a 12 mesi Trasporti locali, Giovannini: “Immaginiamo controlli a terra a campione” Scuola, non si esclude l’obbligo vaccinale per i docenti: al lavoro su trasporti Scontro in maggioranza sul green pass dopo lo stop del Carroccio in commissione Green pass, Tar del Lazio respinge ricorso personale scolastico 02 settembre 2021 Conferenza stampa sulla ripresa dell’attività del Governo del presidente del Consiglio, Mario Draghi, con i ministri Enrico Giovannini (Infrastrutture e Mobilità sostenibili), Patrizio Bianchi (Istruzione) e Roberto Speranza (Salute) e Maria Stella Gelmini (Affari Regionali). “La campagna procede spedita, verso la fine di settembre sarà vaccinato l’80% della popolazione, già oggi siamo al 70% completamente vaccinato”. Così Draghi aprendo l’incontro con la stampa, che segue il Cdm di stamane con all’ordine del giorno infrastrutture e incendi. “Voglio esprimere solidarietà piena a tutti coloro che sono stati oggetto di violenza da parte dei no vax, una violenza particolarmente odiosa e vigliacca quando fatta nei confronti di chi fa formazione e di chi è in prima linea a combattere la pandemia”. “La campagna vaccinale è stata abbracciata con grande entusiasmo dai giovani, l’adesione massiccia dei giovani e la copertura estesa a livello nazionale ci permette di affrontare con una certa tranquillità e con minore incertezza dell’anno scorso l’apertura delle scuole. La scuola in presenza è sempre stata una priorità” ha aggiunto il presidente del consiglio, che a una domanda su obbligatorietà del vaccino e terza dose ha risposto con due secchi “sì”: scatterà l’obbligo, quando verrà dichiarato da Ema e Aifa non più farmaco emergenziale, ma ordinario. “L’applicazione del green pass mi pare stia andando bene. Sui trasporti ci saranno sempre dei casi di foto di mezzi pieni, ma in generale la preparazione è stata ben fatta” ha detto Draghi. Sull’estensione della validità del certificato verde, “ne stiamo discutendo con il ministro Speranza, l’orientamento è sì, andrà esteso, per decidere quali passi, quali settori, ci sarà una cabina di regia come per altro è stato chiesto dal senatore Salvini, ma sì l’orientamento è quello”. “Come sapete l’economia continua a crescere anche molto più delle aspettative, basta vedere le cifre previste dal Mef a marzo, questo ci dà incoraggiamento e anche il mercato del lavoro va bene” ha continuato Draghi. “Non credo valga la pena compiacersi troppo di queste cifre” di crescita dell’economia, “sono alte, ma è anche vero che siamo caduti in una maniera che non si vedeva da decenni, in Italia nel 2020: è in parte un grande rimbalzo che sta accadendo in tutti i Paesi. La vera sfida sarà riuscire a mantenere il tasso di crescita considerevolmente più elevato di quanto fosse prima della pandemia, è lì che si vede la capacità dell’economia italiana di diventare strutturalmente più solida. Intanto vediamo buone notizie”. “Sulle riforme il governo ha un’agenda molto fitta”, dalla “concorrenza” alla “giustizia”. Poi dovremo affrontare il problema fondamentale delle politiche attive del lavoro. E’ prevedibile che molti settori dovranno ristrutturarsi” ha sottolineato il premier. “Con il presidente francese Emanuel Macron questa sera si parlerà di Afghanistan, di Europa, di Libia. Sarà una conversazione a tutto tondo. Bisogna concentrare l’attenzione sul futuro immediato. Dobbiamo aiutare gli afghani” ha quindi detto Draghi, anticipando i temi dell’incontro a Marsiglia con Macron e ringraziando poi tutto il personale italiano che ha permesso di completare il piano d’evacuazione da Kabul. “Il salvataggio degli afghani ha ancora una volta dimostrato la povertà dell’Ue per quel che riguarda la gestione dell’immigrazione, è un problema mondiale e l’Ue unita da tanti principi non riesce ad affrontarlo, questo è una spina nella stessa esistenza della Ue, ne parlo oggi con Macron. Davanti a quella tragedia immane ci sono Paesi che hanno detto: non vogliamo rifugiati. Non so se ricordate. Ma come si fa?” ha commentato il presidente del consiglio. “Un incontro a tre secondo me dovrebbe essere interessante, Lamorgese e Salvini possono dire i loro punti di vista, Salvini cosa non va soprattutto se è raffrontabile a quello che non andava 4-5 anni fa cioè prima della pandemia. Se Lamorgese vorrà si farà volentieri magari non in tv o in streaming…” ha quindi precisato Draghi sull’incontro a 3 con Lamorgese chiesto da Matteo Salvini. Gelmini: campagna vaccini riuscita grazie a collaborazione Stato-Regioni “La collaborazione fra conferenza delle Regioni e governo è sicuramente un elemento molto positivo e dimostra che quando le regioni ricevono dallo Stato indicazioni e regole chiare sulla campagna vaccinale questo si trasforma in un elemento fondamentale per la buona riuscita delle vaccinazioni”. Lo ha detto il ministro per gli Affari Regionali, Mariastella Gelmini, intervenendo alla conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Siamo convinti che questa collaborazione, anche con la Protezione Civile e e la struttura commissariale possa portarci all’obiettivo del superamento dell’80/85% di persone vaccinate”. Bianchi: tutte le scuole aperte per portare alunni in aula “Ieri, primo settembre, tutte le nostre 8.500 scuole hanno riaperto con il mandato di portare dal 13 settembre tutti i ragazzi in presenza e in piena sicurezza” ha dichiarato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi. “Dove ci sono classi di vaccinati si possono togliere le mascherine e si può tornare a sorridere”. ha aggiunto. “Le regole” a scuola – ha sottolineato – “sono quelle del Cts: mascherina, distanziamento e regole di igiene fondamentale”. “Arriviamo a settembre con una grande voglia e partecipazione di tutti: il 91,5% del personale si è vaccinato e i ragazzi, giorno dopo giorno, aumentano sempre di più, soprattutto tra i 16 e i 19 anni. Il generale Figliuolo farà un’operazione di screening per i 6-14, per garantire anche i più piccoli” ha concluso il ministro dell’Istruzione. Giovannini: successo green pass sui treni, senza solo lo 0,2% “Devo ringraziare i gestori e i viaggiatori” per aver aderito pienamente alle nuove disposizioni sull’obbligo di Green pass per i trasporti, ha detto il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini al termine del Consiglio dei ministri precisando che “ieri sera Trenitalia ci ha comunicato che il numero di persone sprovviste ieri di Green pass sui treni a lunga percorrenza era dello 0,2% dei passeggeri, ovvero poco più di 70 persone”. Un dato che, afferma “testimonia la precisione dei controlli ma anche l’adesione cittadini a queste nuove misure”. ”Fortissima collaborazione con le Regioni sul trasporto pubblico locale. Abbiamo definito le linee guida concordate con loro. E’ una sfida difficile e oggi è la scadenza entro la quale le Regioni devono inviare i loro piani per il potenziamento dei servizi. Per il secondo trimestre il governo ha messo a disposizione 618 milioni di euro. I fondi aggiuntivi possono essere usati anche per il potenziamento dei controlli” ha spiegato il ministro. Speranza: situazione epidemiologica stabile “La situazione epidemiologica nel Paese è in questo momento stabile. Ad agosto si sono tenute limitazioni molto leggere rispetto ai mesi precedenti e ciò significa che la campagna di vaccinazione è la vera arma che abbiamo e abbiamo superato il 70% della popolazione vaccinabile che ha completato il ciclo e entro la fine di settembre raggiungeremo l’80% che è un risultato alla nostra portata” ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, in conferenza stampa. “Ieri abbiamo registrato 78 milioni di somministrazioni e il 70% della popolazione vaccinabile ha completato il ciclo” ha ricordato Speranza. “Il lavoro del commissario Figliuolo procede in modo molto positivo in stretta sinergia con le Regioni e ci porterà entro la fine di settembre a raggiungere l’80% della popolazione vaccinata”. “La riapertura delle scuole in presenza è priorità assoluta e spero che presto avremo un numero alto di classi in cui tutti saranno vaccinati e ciò consentirà di allentare le misure e togliere le mascherine- ha confermato Speranza. “Il messaggio che dobbiamo dare è quindi che il vaccino è l’arma fondamentale per chiudere questa stagione e aprirne un’altra. I vaccini sono efficaci e sicuri” ha concluso. Il Cdm approva i dl Infrastrutture e Incendi. 120 milioni a sostegno profughi Afghanistan Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto Infrastrutture che, come spiega il ministro Enrico Giovannini “semplifica le procedure, migliora la sicurezza e il funzionamento dei trasporti, tutelando maggiormente i diritti alla mobilità delle persone con disabilità e delle donne in gravidanza”. Per sostenere l’attuazione del Pnrr viene istituito il Centro di ricerca e di sviluppo nel settore della sostenibilità (Cismi). Avrà il compito di supportare le funzioni del ministero attraverso l’immissione di un nucleo di ricercatori e tecnologi “che – spiega Giovannini – contribuiranno ad aumentare la qualità delle politiche di competenza del ministero”. Tra le novità c’è la modifica del codice della strada con l’introduzione degli “stalli rosa” dedicati alle donne in gravidanza e ai genitori con figli fino a due anni. Prevista anche la possibilità per i Comuni di riservare posti di sosta oltre che ai veicoli adibiti al trasporto delle persone con disabilità, anche a quelli elettrici, ai veicoli per il carico e lo scarico delle merci nelle ore stabilite e al trasporto scolastico. Il decreto prevede il rafforzamento delle sanzioni: ad esempio, vengono raddoppiate le multe per chi parcheggia negli spazi riservati ai disabili e la nuova sanzione sarà compresa tra 168 e 672 euro. Quanto al dl Incendi, vengono ridisegnate la governance della prevenzione incendi e le risorse finanziarie per potenziare la capacità operativa delle componenti statali impegnate nella lotta ai roghi, con specifiche previsioni a favore delle infrastrutture delle aree interne. In particolare, è previsto il potere sostitutivo delle Regioni nel caso i Comuni non provvedano ad aggiornare nei tempi previsti il catasto dei terreni incendiati e la redazione da parte della Protezione civile di un Piano Nazionale triennale di aggiornamento tecnologico delle azioni di prevenzione e lotta attiva agli incendi, a cui sono destinati 40 milioni per acquisire altri mezzi operativi. Sono state anche inasprite le pene per reati. Il Cdm ha approvato anche lo stanziamento di 120 milioni a sostegno dei profughi provenienti dall’Afghanistan. Deliberata “una modifica della deliberazione del Consiglio dei ministri del 17 giugno scorso, relativa alla prosecuzione nel 2021 delle missioni internazionali e delle attività già autorizzate per il 2020 e alla partecipazione dell’Italia alle missioni internazionali per l’anno 2021 (articoli 2, comma 1, e 3 comma 1, della legge 21 luglio 2016, n. 145). La modifica si riferisce al contributo a sostegno delle forze di sicurezza e difesa afghane. Ecobonus rinnovato Rinnovato, infine, l’ecobonus per le auto elettriche. “Per garantire e ottimizzare l’utilizzo dei fondi destinati all’acquisto di veicoli meno inquinanti M1, compresi nella fascia di emissione 0-60 grammi di CO2, le risorse previste per l’Extrabonus (oltre 57 milioni di euro) vengono riallocate sul fondo ordinario dell’incentivo Ecobonus”. Lo comunica il Ministero dello Sviluppo economico in merito alle disposizioni contenute nel decreto infrastrutture e mobilità sostenibili approvato oggi dal Consiglio dei Ministri.